RESEAU ENTREPRENDRE – Creare imprenditori per creare posti di lavoro

Intervista apparsa sul sito www.affaritaliani.it

Creare imprenditori per creare posti di lavoro. E’ questa la base fondativa di Réseau Entreprendre, un’associazione creata nel 1985 per favorire il successo di neo imprenditori grazie all’accompagnamento gratuito di chi ha già una navigata esperienze nel settore. Ma come si concretizza questo aiuto? Lo abbiamo chiesto a Fabrizio Barini, neo presidente di Reseau Entreprendre Lombardia.

Come nasce e che cosa è Réseau Entreprendre?
Nasce da un’idea di André Mulliez, cofondatore 
di Auchan,

per generare 
posti di lavoro 
in un contesto 
di crisi economica. Siamo presenti in 10 Paesi nel mondo e aiutiamo, gratuitamente, aspiranti imprenditori a realizzare un’impresa e posti di lavoro. Devono esserci entrambi questi elementi. Non solo l’impresa, ma anche il risvolto occupazionale che va ad incidere positivamente sul territorio.

Immagine per social bisChi fa parte di Réseau Entreprendre?
Imprenditori, neoimprenditori, manager e professionisti che hanno una storia di successo da raccontare e hanno voglia di condividere le proprie competenze per aiutare giovani e meno giovani che hanno un potenziale imprenditoriale.

Concretamente come fate a scegliere chi aiutare? 
Procediamo alla valutazione del business-plan e dei colloqui con gli aspiranti imprenditori per capire se c’è un potenziale da sviluppare e cerchiamo, attraverso l’esperienza, di affiancare chi si rivolge a noi per dargli la possibilità di esprimerlo. Il tutto in maniera concreta.

Cosa viene chiesto in cambio alle imprese che aiutate?
Nulla, se non l’impegno futuro alla reciprocità, ovvero raccontare la propria storia per cercare di aiutare imprese che si trovano nella stessa situazione, cercando di restituire l’aiuto che si è ricevuto.

Come presidente di Reseau Entreprendre Lombardia da dove vuole partire?
Dai principi fondativi della nostra associazione, mettendo al centro la persona e portando avanti il nostro aiuto che si fonda sulla gratuità e sulla reciprocità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *